La Pizza Parigina

standard 17 Ottobre 2021 Leave a response

Ciao a Tutti.

Qui a casa il sabato sera è sinonimo di pizza, ci vuole. Normalmente andiamo a prendere da asporto e poi a casa gustiamo con un buon programma in tv, oppure preparo a casa: impasto, salsa di pomodoro, alici e mozzarella.

Qualche volta ho voglia di qualcosa di sfizioso, una ricetta alternativa dal solito e preparo una torta salata, con la pasta brisè e un ripieno di verdure, oppure con la sfoglia e un ripieno di pollo, quiche, ecc.

Nel sito ci sono tantissime versioni nella categoria Torta Salata.

E poi c’è la Sua Eccellenza La Parigina, una pizza rustica di origini napoletana molto saporita e farcita con salsa di pomodoro, prosciutto cotto e provola. Una delizia tra la pasta della pizza e la pasta sfoglia.

Perfetta per un buffet, per un brunch, oppure una merenda.

Pronta in pochissimi minuti e si inforna fino a diventare bella dorata e croccante, e il sabato sera diventa speciale.

Ingredienti

  • 1 Base per Pizza Rettangolare
  • 1 Rotolo di Pasta Sfoglia Rettangolare

Per il Ripieno

  • 1 Barattolo piccolo di Pomodori Pelati
  • Sale / Pepe
  • Olio d’oliva
  • Origano
  • 6 Fette di Prosciutto Cotto
  • 8 Fette di Provola
  • 1 Uovo per spennellare

Procedimento

  • Accendere il forno impostando la temperatura a 180 gradi, modalità ventilato.
  • Prendete il barattolo di pomodori pelati e versate in una ciotola, tagliate grossolanamente i pomodori, condite con sale, pepe, origano e un filo d’olio d’oliva.
  • Prendete la teglia da forno e foderate con la carta da forno, adagiate sopra la base della pizza.
  • Cospargere sopra l’impasto con la salsa di pomodoro, senza esagerare con la salsa.
  • Successivamente ricoprite con le fette di prosciutto cotto la salsa.
  • Poi ricoprite le fette di prosciutto cotto con le fette di provola.
  • Se volete potete aggiungere un paio di cucchiaio di salsa di pomodoro. E’ opzionale
  • Ricoprite con la pasta sfoglia, e sigillate bene i bordi
  • Spennellate con l’uovo sbattuto e infornate per 30/35 minuti circa. Fino a diventare ben dorato.

E’ una di quelle ricette che se avanza, il giorno dopo risulta ancora più buona. Scaldata leggermente in forno, appena per stiepidire, é divina.

La mia é una versione facile e più veloce, poiché ho acquistato gli impasti già pronti. Ma potete preparare l’impasto della pizza il giorno prima e poi procedere con la ricetta.

Buon Appetito.

Far Breton

standard 3 Ottobre 2021 Leave a response

Ciao a Tutti

Dopo un periodo di pausa (forzata) finalmente sono riuscita a riprendere il mio hobby preferito, la mia valvola di sfogo, la mia passione, cucinare, fotografare e scrivere.

Da tanto tempo che pensavo e ricercavo una ricetta originale di un dolce originario della Bretagna, il Far Breton. Dopo tanto leggere e effettuato diverse ricerche su questo dolce, ho deciso di fare di testa mia.

Ho preso tutti gli ingredienti necessari e mi sono messa in cucina a provare. Alcune ricette prevedono l’utilizzo della panna fresca ma ho optato per solo latte.

Un mio consiglio prima di iniziare la preparazione?

Lasciare ammollo nel latte le prugne secche per 1 ora come minino. Se avete tempo potete lasciare ammollo le prugne per tutta la notte.

Il dessert é delizioso, veloce e semplice da preparare. In 15 minuti il dolce é pronto da essere infornato.

Si possono cambiare la tipologia di frutta ? Penso proprio di sì, usando le mele, prugne fresche, frutti di bosco, ecc.

Ma se volete l’originale é con le prugne secche.

Nel latte ho deciso di aggiungere due cucchiai di liquore Porto, avevo questo a disposizione, per dare una nota in più.

Ingredienti

  • 600 ml di Latte
  • 225 g di Prugne Secche
  • 4 Uova
  • 120 g di Zucchero Semolato
  • 150 g di Farina
  • 20 g di Burro
  • 2 Cucchiai di Cognac (opzionale)
  • 1 Bustina di Vanillina oppure Estratto di Vaniglia

Procedimento

Lasciare le prugne secche in ammollo, con 2 cucchiai di cognac (se non avete il cognac potete utilizzare il brandy, rum, oppure il porto) per almeno 1 ora. Se volete potete lasciare in ammollo per tutta la notte e preparare il dolce il giorno dopo.

Accendete il forno e impostate la temperatura a 180° gradi, modalità ventilato.

In una ciotola sgusciate le uova e sbattere con la frusta elettrica per 2 minuti, aggiungete lo zucchero e continuate a sbattere.

A questo composto unite la bustina di vanillina, oppure l’estratto di vaniglia, e la farina. Lasciate da parte.

Prendete un pentolino e con un colino e filtrate il latte nel pentolino e lasciate le prugne nel colino.

Tagliate il burro a pezzettini e scaldate il latte fino a che il burro si sciolga, senza arrivare all’ebollizione.

Una volta sciolto il burro, versate il latte nell’impasto iniziale e mescolate bene, date un’ultima passata de frusta elettrica veloce per amalgamare bene il tutto.

Prendete una pirofila e imburrate e poi cospargere sopra il burro un velo di zucchero semolato, poco, serve solo per impermeabilizzare la pirofila.

Adagiate sul fondo della pirofila in modo uniforme le prugne e versate l’impasto delicatamente per non spostare le prugne.

Infornate per 40/45 minuti circa, fino a diventare compatto e dorato sopra.

Togliete la pirofila dal forno, lasciar raffreddare completamente e per ultimo cospargere di zucchero a velo sopra.

Il liquore che ho aggiunto nel latte per ammollare le prugne é opzionale, potete utilizare qualsiasi altre tipologie di liquore come brandy, rum, il avevo il porto ed é venuto benissimo.

Servito anche tiepido con una pallina di gelato alla crema non é per niente male.

Dessert da rifare assolutamente.

Buon Appetito.

Pasta Choux

standard 10 Maggio 2020 Leave a response

Buona Domenica a Tutti.

In tempo di quarentena la cucina é diventata lo spazio della casa più frequentato.

Molte persone hanno trovato il tempo di fare ricette che richiedono tempo, il pane, lievitati dolci, salati, la pasta fresca, la brisè, la frolla, persino la sfoglia che richiede tanto tempo, ma il risultato è fenomenale. Tanto il tempo c’era e dovevamo sfruttarlo al meglio.

Qui a casa siamo in due, e nonostante il blog, cerco di stare un po’ attenta alle preparazioni dei cibi, uno per non prendere peso in piu’ e per non dover sprecare cibo e dover buttare.

Attendendo che finisca una cosa per iniziare a impastare un’altra, ma mi piace tanto preparare piatti sfiziosi e nuove ricette.

La ricetta della pasta choux é composta da pochi ingredienti ma la resa é ottima.

La difficoltà della esecuzione risiede nel fatto di rispettare bene l’ordine degli ingredienti, la dose esatta e alcuni accorgimenti durante la cottura.

Seguendo alcuni semplici passaggi il risultato può essere di eccellenti fattura di bignè, eclair, ecc.

Per la festività di San Giuseppe di quest’anno ho deciso di preparare i bignè a casa, ho fatto una ricerca in internet per vedere le ricette che riportavano delle dosi contenute di ingredienti, per non dover produrre bignè in quantità industriali.

Ho trovato quello che cercavo nel Blog di Benedetta Rossi, e con pochi ingredienti sono riuscita a fare ben 22 bignè di San Giuseppe.

Durante la cottura dei bignè ho provveduto alla cottura della crema pasticcera e in poco tempo avevo una bella dose di bignè.

Un po’ ho regalato ad una vicina di casa, tramite il nostro ascensore, un cestino in vimini che callo giu’ con un cordoncino.

Ingredienti

  • 150 ml di Acqua
  • 100 g di Burro
  • 150 g di Farina 00
  • 5 Uova Medie
  • 1 Pizzico di Sale

Procedimento

  • In un pentolino unite l’acqua, il pizzico di sale ed il burro, portare ad ebollizione.
  • Quando il burro si scioglie completamente aggiungete la farina, tutta, di un colpo solo.
  • Mescolate bene e continuate a girare per qualche secondo.
  • Spegnete il fuoco, trasferite l’impasto in una ciotola e lasciate raffreddare.
  • Una volta freddo l’impasto prendete la frusta elettrica e date una sbattuta iniziale.
  • Iniziate ad aggiungere un uovo per volta, sbattendo sempre.
  • Potete fare a mano, ma trovo che con la frusta elettrica l’impasto risulta più liscio e omogeneo.
  • Una volta terminato di incorporare le uova potete trasferire l’impasto in una sac à poche, con il beccuccio a stella.
  • Prendete la placa da forno e foderate con la carta da forno, potete iniziare a dare una forma ai bignè, piccoli tondi, oppure a forma allungata di elcair, oppure una forma di circolo piccolo, oppure grande per fare un unico bignè.
  • Accendete il forno, modalità ventilato, a temperatura di 200 gradi.
  • Una volta raggiunta la temperatura potete infornare il bignè e cuocete a questa temperatura per 15 minuti.
  • Trascorso questo tempo abbassate la temperatura a 190 gradi e lasciate altri 10 minuti.
  • Una volta cotti spegnete il forno e lasciate i bignè all’interno, mettete un mestolo nella porta del forno, in modo di lasciare un’apertura e lasciate raffreddare completamente prima di togliere dal forno.
  • L’altra opzione di cottura é friggere i bignè per la preparazione dei bignè di San Giuseppe.
  • Una volta data la forma dei bignè, ritagliate la carta forno e immergere con la carta nell’olio di frittura, la carta verrà fuori immediatamente e potete togliere dall’olio facilmente.
  • Una volta dorati, togliete e adagiate sopra una carta assorbente.

Una volta pronti potete farcire con la crema pasticcera con le amarene, crema pasticcera al cioccolato, la crema chantilly, farcire con crema e poi aggiungere le fragole, i frutti di bosco, ecc.

E’ una base che si possono preparare tanti dolcetti buoni, oppure per la pasticceria salata, con una insalata russa, patè, e tante altre preparazioni.

Buon Appetito.

Send this to a friend