Tutto sul Prezzemolo e Patè al prezzemolo!!!!

standard 9 Agosto 2011 Leave a response

Buongiorno a Tutti!!!!

Cucina Mon Amour – Immagine Web

Oggi vi voglio parlare dell’erba aromatica più utilizzata in cucina, il prezzemolo. C’è chi lo ama e chi lo odia, ma ha la capacità di dare un tocco in più.

Pianta biennale, originaria delle zone mediterranee, dove cresce spontanea.

Le foglie e i fusti sono le parti utilizzate, sia per il consumo fresco sia per la preparazione di salse.

La pianta cresce bene in climi temperati, non sopporta il freddo intenso e per questo motivo si sconsiglia di effettuare la semina prima dei mesi di marzo a nord e febbraio al sud. 

Questa pianta predilige terreni ricchi di sostanza organica; per apportarne la giusta quantità è utile servirsi di letame ben maturo in ragione di 3-4 kg al metro quadrato, che dovrà essere interrato ad una profondità che varia da 20 a 30 cm. Questo aiuterà la pianta lungo tutto il ciclo vegetativo.

Qualora la pianta presentasse degli ingiallimenti, potrebbe essere necessaria l’aggiunta di prodotti a base di ferro. Sarà importante mantenere il terreno pulito da erbe infestanti e zappettato per favorire sia l’irrigazione che l’arieggiamento della pianta.

Cucina Mon Amour – Web

Si può coltivare sia in pieno sole che a mezz’ombra

Il prezzemolo si semina da primavera alla fine dell’estate; se la temperatura è bassa germina lentamente, in circa un mese, se è ideale (cioè attorno ai 18°) impiega una quindicina di giorni. 

Per favorire la germinazione risulta utile porre i semi per una notte in acqua calda prima della semina. E’ indispensabile tener costantemente umido il terreno durante la germinazione. 

I gambi non vanno mai tagliati alla base, ma un po’ in alto, in modo che si formino nuovi steli. 

Anche le radici contengono notevoli quantità di aroma, ma possono essere raccolte solo alla fine del ciclo vitale delle piante, cioè nell’autunno del secondo anno di coltivazione.

Le foglie quando non si possono consumare fresche, vanno essiccate o congelate. 

Questa erba, tritata finemente, insaporisce gradevolmente quasi tutti i piatti della cucina mediterranea e possiede infinite qualità, va però consumata cruda perché non si perdano sapore e benefici, o comunque aggiunta sempre a fine cottura. 

Il prezzemolo era conosciuto e apprezzato già dai Greci e dai Romani che lo usavano per incoronare i vincitori dei giochi, per decorare tombe e aiuole e per i suoi poteri terapeutici. 

Il prezzemolo é utilizzato in quasi tutti i piatti della nostra cucina, si possono fare delle ottime frittate di uova e prezzemolo, spaghetti aglio, olio e peperoncino con un po’ di prezzemolo tritato sopra, ecc. 

Ma vi voglio proporre un patè di prezzemolo che faceva mia nonna, sempre di sabato, che era giornata di mercato e si compravano tutti gli odori per la settimana, incluso qualche mazzo di prezzemolo.

Allora andiamo alla ricetta.                                                    

Ingredienti.


300 gr di prezzemolo/ 1 mazzetto
4 acciughe
pepe
olio d’oliva.
Pane tostato.

Prendete il prezzemolo, lavate e asciugate bene. Adagiate su un tagliere e con un coltello a mezza luna tritate finemente il prezzemolo, fino a ridurre in una pasta.

Aggiungete i filetti di acciughe e continuate a tritare.

Mettete il composto in una ciotola e aggiungete il pepe macinato e olio d’oliva.

Bruschettate il pane e spalmate il paté su ogni fettine.

Servite come antipasto.

Ottimo per consumare il prezzemolo che rimane in frigo e presentare un antipasto diverso dal solito ai vostri commensali.

Buon Appetito!!!!

Related Posts

Leave a response

  • Leave a Response

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Send this to a friend